Cambiamento climatico - Cambiamento climatico, agricoltura e alimentazione

Analisi dell’impatto che i cambiamenti climatici hanno sulla produzione agricola, e quindi sulla disponibilità di cibo e di acqua dolce, con una valutazione dei comportamenti individuali e collettivi da porre in atto.

Nei quattro rapporti dell’IPCC (Intergovernmental  Panel on Climate Change) che si sono susseguiti dal 1990 al 2007 è stato evidenziato come i cambiamenti climatici siano un dato di fatto ed è stato sottolineato il ruolo chiave giocato all’origine del fenomeno dalle emissioni di gas serra prodotte dalle attività umane.

In trent’anni compresi tra il 1970 e il 2004, le emissioni serra sono cresciute del 70% e sono state generate essenzialmente da 5 fonti: approvvigionamento energetico (26%), industria (19%), deforestazione e utilizzo dei terreni (17,4%), agricoltura (14%) e trasporti (13%). Dai dati risulta evidente come l’agricoltura e l’allevamento incidano pesantemente sul cambiamento climatico (sia come produzione diretta di gas serra sia influenzando il tasso di deforestazione) e a sua come il cambiamento climatico possa incidere sulle attività agricole.

Il paper analizza questa complessa interazione, prospetta scenari e propone soluzioni che permettano una rilocalizzazione delle produzioni agricole e l’innovazione nelle tecniche di gestione delle pratiche agroalimentari.
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le preferenze da te manifestate nel corso della navigazione in rete. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie.
Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.   Continua