Accesso al cibo - Sfide e prospettive

Per affrontare la rinnovata emergenza dell’accesso al cibo si analizza come promuovere la produttività del sistema agricolo, favorire lo sviluppo delle comunità rurali, aumentare la consapevolezza dell’impatto dell’alimentazione sulla sostenibilità della catena alimentare.

La fame è un problema quotidiano per milioni di esseri umani: 925 milioni secondo la FAO, praticamente un settimo della popolazione mondiale. E questo scenario inquietante permane nonostante gli avanzamenti di scienza e tecnologia, gli ambiziosi programmi di aiuto internazionale, gli impegni più volte rinnovati dai Paesi ricchi nei confronti di quelli più poveri.

La più favorevole situazione economica globale ed una diminuzione dei picchi dei prezzi delle risorse alimentari sembrava aver favorito un’inversione (momentanea?) di tendenza che nel 2010 ha permesso a 98 milioni di persone di uscire dalla morsa della denutrizione. L’attuale crisi economica sta tuttavia mettendo sotto stress il sistema di aiuti internazionali. Inoltre, analizzando un arco temporale più ampio il dato complessivo degli ultimi 15 anni appare negativo e descrive un forte peggioramento.

Come è noto, le popolazioni maggiormente colpite da questo fenomeno, il 98% del totale, sono concentrate nei Paesi in via di sviluppo e le prospettive future dell’accesso al cibo non sono, peraltro, rassicuranti: se si considera che nel 2050 ci saranno 2,2 miliardi di persone in più da sfamare, l’attuale situazione richiede pronti interventi.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk