19 set 2018

RAPPORTO FAO, FONDAZIONE BARILLA: FAME NEL MONDO IN CRESCITA, OCCORRE UNA “RIVOLUZIONE ALIMENTARE” PER RISOLVERE I GRANDI PARADOSSI ALIMENTARI GLOBALI

• All’indomani del nuovo rapporto FAO sulla fame nel mondo, che vede i numeri di questo fenomeno crescere di 6 milioni rispetto al 2017, la Fondazione BCFN si inserisce nel dibattito per dare il suo contributo alla risoluzione del problema

• Il Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione, che si terrà, per la prima volta a New York, il 27 settembre offrirà l’opportunità di discutere soluzioni che permettano di far fronte ai grandi paradossi alimentari 




821 milioni di persone denutrite nel mondo (dato in aumento di 6 milioni rispetto allo scorso anno) contro 672 milioni di obesi. Uno scenario tragico che vede al centro il cibo e il modo in cui lo produciamo, consumiamo e purtroppo sprechiamo. Partendo dal nuovo dato FAO arriva forte il messaggio della Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition (BCFN): “dobbiamo dare vita a una vera e propria “rivoluzione alimentare” se vogliamo risolvere i tre grandi paradossi del sistema alimentare che oggi affliggono l’umanità”. 

Ogni anno nel mondo si gettano 1,3 miliardi di tonnellate di cibo (solo in Italia 145KG pro capite1), circa 4 volte la quantità necessaria a sfamare le persone denutrite nel mondo. Dobbiamo invertire questo trend e dar vita a una vera “rivoluzione alimentare” che porti a una trasformazione dell’attuale sistema in un’ottica di sostenibilità. BCFN lavora per ribadire il ruolo centrale del cibo e dell’alimentazione in questo processo di cambiamento. Lo stiamo facendo con vari progetti, come il premio giornalistico Food Sustainability Media Award, e lo faremo anche con il Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione a New York, dove parleremo della crisi nutrizionale globale e degli impegni che tutti i Paesi hanno preso affinché si possano raggiugere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile entro il 2030”, ha spiegato Luca Virginio, vicepresidente della Fondazione Barilla Center For Food & Nutrition.

Proprio il Forum di New York, realizzato in collaborazione con United Nations Sustainable Development Solutions Network (UN SDSN) e che si terrà il prossimo 28 settembre, è stato organizzato partendo da un assunto: la popolazione mondiale raggiungerà 10 miliardi entro il 2050, ma già oggi non riusciamo a sfamare tutti. Ecco quindi che affrontare i paradossi alimentari globali è fondamentale per raggiungere un futuro sostenibile in grado di garantire cibo per tutti. 

I dati della FAO, inoltre, parlano chiaro: tra le cause che hanno portato all’aumento dei numeri della fame, oltre ai prolungati conflitti e alla recessione economica in alcuni Paesi, c’è l’impatto che la variazione climatica sta avendo sull’agricoltura. Per analizzare meglio il fenomeno, si può guardare allo studio “Food & Migration. Understanding the geopolitical nexus in the Euro-Mediterranean2, che prende in esame i Paesi che si affacciano sul bacino del Mediterraneo, un’area geografica particolarmente vulnerabile ai cambiamenti climatici che può fare da buona pratica a livello mondiale. Lo studio analizza i “numeri” delle migrazioni in quest’area e li mette in rapporto con i cambiamenti climatici dovuti anche alla produzione agro-alimentare: secondo i risultati dell’indagine, ci si aspetta, in concomitanza con estati che riscaldano a un ritmo del 40% superiore a quello globale, una diminuzione delle precipitazioni nel breve (2025) e medio (2050) termine dal 2 al 7%, contro un aumento previsto sul globo tra l'1 e il 4%. I dati mostrano che in futuro, nella regione del Mediterraneo, i cambiamenti climatici e la variabilità climatica potrebbero portare a un riscaldamento di 0.7°C nel giro dei prossimi 20 anni, per raddoppiare entro il 2050

Questo vuol dire che i Paesi che sapranno sviluppare sistemi agro-alimentari sostenibili, in grado di adattarsi ai cambiamenti climatici, saranno anche quelli che avranno dato vita a un’efficace politica di sensibilizzazione che metta a sistema ambiente, migrazioni e cibo. 

1  Food Sustainability Index

2  Studio condotto da MacroGeo per il Barilla Center for Food & Nutrition (BCFN) in collaborazione con la Fondazione Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC)


----------------------------------

BCFN PRESS OFFICE c/o INC ISTITUTO NAZIONALE PER LA COMUNICAZIONE

Simone Silvi - Senior Account Media Relations - s.silvi@inc-comunicazione.it - +39 335.10.97.279

Mariagrazia Martorana - Media Relations Consultant - m.martorana@inc-comunicazione.it - +39 333.57.61.268


CONTATTI UFFICIO STAMPA

Luca Di Leo, Head of Media Relations, luca.dileo@barillacfn.com , +39 0521 2621

Valentina Gasbarri, Communication and External Relations Manager, valentina.gasbarri@barillacfn.com  , +39 338 7882700


Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le preferenze da te manifestate nel corso della navigazione in rete. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie.
Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.   Continua