15 giu 2015

MANGIAR SANO FA BENE ALLA SALUTE E ALL'AMBIENTE

Valentini: “ Doppia Piramide alimentare-ambientale è punto di riferimento”.

La società umana ha un ruolo determinante sull'equilibrio del nostro pianeta. Nel 2050 probabilmente saremo 9 miliardi, circa 8 persone su 10 vivranno in sistemi urbani. Il bisogno di cibo per tutti determinerà una pressione eccessiva sulle nostre risorse naturali. Sempre più terra agricola sarà necessaria per sfamare le nuove generazioni, a discapito delle foreste tropicali e della biodiversità, sempre maggiore sarà l’uso di acqua e di fertilizzanti, determinando un aumento delle emissioni di gas serra responsabili del riscaldamento globale.
Il modello della doppia piramide alimentare e ambientale, proposto dalla Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition, è un mezzo molto efficace per comunicare un semplice concetto: “mangiare bene fa bene alla salute e anche all’ambiente”.
La piramide ambientale nasce studiando e misurando l’impatto sull’ambiente dei cibi presenti nella piramide alimentare, e disponendoli lungo una piramide capovolta, in cui gli alimenti posizionati più in basso hanno il minore impatto ambientale.
Accostando le due piramidi si ottiene così la “doppia piramide” alimentare-ambientale, dove si nota che gli alimenti per i quali è consigliato un consumo maggiore, generalmente sono anche quelli che determinano gli impatti ambientali minori. Viceversa, gli alimenti per i quali è raccomandato un consumo ridotto sono anche quelli che hanno maggior impatto sull’ambiente. L’impatto ambientale degli alimenti è uno studio relativamente nuovo che si basa sull’applicazione di tre indicatori ecologici: quello delle emissioni di gas serra associate alla produzione degli alimenti, l’indicatore di uso dell’acqua e l’impronta ecologica.
In particolare quest’ultima è già un parametro che indica in modo sintetico ed esemplificativo quanta terra è necessario utilizzare per mitigare gli effetti ambientali di una determinata produzione.
L’unità di misura di questo indicatore sono i mq di terreno. La doppia piramide nella sua versione divulgativa usa proprio l’impronta ecologica come indicatore di impatto degli alimenti sull’ambiente.
Se accettiamo il modello della doppia piramide alimentare e ambientale, il tema che ne consegue è come possiamo promuovere abitudini alimentari più sane e rispettose dell’ambiente?
Forse, è la mia risposta, puntando di più sull’educazione alimentare nelle scuole e sensibilizzando le famiglie ad adottare comportamenti virtuosi. Certamente, l’esempio di una famiglia consapevole, di genitore attenti alle problematiche di salute ed ambientali aiuta molto a far crescere la consapevolezza nei bambini. Tuttavia credo che ai bambini vada data anche una dose di autonomia nelle scelte alimentari. Senza forzature particolari, partendo dalla consapevolezza dei problemi ambientali che abbiamo davanti.
In questo senso la scuola e la famiglia devono lavorare in sinergia e costruire un percorso “naturale” che trovi sia in ambito scolastico che familiare una unità di intenti e di messaggi positivi. In questo caso, saper dare un premio al bambino quando sceglie bene cosa mangiare può essere una spinta efficace verso comportamenti sempre più virtuosi.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk