10 ago 2020

IL 22 AGOSTO È L’EARTH OVERSHOOT DAY, IL GIORNO IN CUI AVREMO ESAURITO LE RISORSE CHE LA TERRA RIGENERA ANNUALMENTE. FONDAZIONE BARILLA: “IL LOCKDOWN HA SPOSTATO LA DATA IN AVANTI RISPETTO AL 2019, MA PER INCIDERE DAVVERO SERVE CAMBIARE APPROCCIO A

• I lockdown a livello mondiale – a seguito della Pandemia da COVID-19 - ha posticipato la data di quasi un mese rispetto all’anno precedente. Era da 15 anni che l’Overshoot non si registrava così tardi.

• Un effetto inaspettato della pandemia che potrebbe essere vanificato già il prossimo anno, se non interveniamo sul nostro modo di produrre, distribuire e consumare il cibo 

• Cambiando il nostro modo di approcciarci al cibo si potrebbe spostare la data dell’Overshoot Day in avanti di 32 giorni 

• Fondazione Barilla elabora i 5 consigli concreti – alla portata di tutti – per spostare in avanti la data dell’Overshoot Day



22 agosto. È questa la giornata in cui ricorre l’Earth Overshoot Day quest’anno. Ed è una data da segnare sul calendario per chi ha a cuore le sorti del Pianeta. Era da 15 anni infatti che l’Overshoot non si verificava così tardi (25 agosto 2005). Parliamo del giorno in cui l'umanità esaurisce definitivamente tutte le risorse che la Terra può rigenerare in un anno. Nel 2019 l’Overshoot era stato registrato il 29 luglio e oggi, per la prima volta da quando viene calcolato, la data viene spostata in avanti di circa un mese. Gli studi del Global Footprint Network - Istituto internazionale di ricerca, che ha ideato il metodo per calcolare il consumo delle risorse - indicano che nel 2020 l’impronta di carbonio si è ridotta del 14,5%1 e che la causa è da ricercarsi nel rallentamento economico globale indotto dal COVID-19. Una riduzione che, purtroppo, non può essere considerata un successo, perché non si tratta di un cambiamento strutturale, ma solo di un effetto temporaneo dato dall’impatto della pandemia e delle misure adottate dai governi. E allora, come incidere davvero per ritardare e spostare in avanti il più possibile questa data? Partendo dal cibo, che rappresenta il principale fattore che spinge l’uomo a fare pressione sugli ecosistemi naturali. La sua produzione rappresenta fino al 29%2 dell’impronta ecologica globale. Il modo in cui lo produciamo, distribuiamo e consumiamo determina circa il 70% dei prelievi di acqua dolce, provoca fino al 37%3 delle emissioni totali di gas serra e si appropria di circa la metà delle terre abitabili del mondo. Gli attuali sistemi alimentari, inoltre, richiedono alte quantità di energia e dipendono ancora molto dai combustibili fossili. Questa dipendenza è più alta per la produzione di alimenti di origine animale (in media, per produrre 1 caloria di prodotti di origine animale, servono circa 5,7 calorie di combustibile fossile). Molte colture viaggiano spesso su lunghe distanze prima di raggiungere i consumatori, visto che meno di 1/3 della popolazione mondiale riesce ad acquistare prodotti alimentari a base vegetale provenienti da una distanza inferiore a 100 km. Lo stesso vale per i mangimi e molti prodotti alimentari trasformati lungo la catena di approvvigionamento. Insomma, il cibo rappresenta la chiave per spostare in avanti la data dell’Overshoot Day: questa la posizione espressa dalla Fondazione Barilla, che ha raccolto e analizzato questi dati per l’Italia.

Quest’anno la riduzione della nostra impronta ecologica è finalmente arrivata. Tuttavia, non possiamo considerare questo risultato un successo perché il cambiamento a cui abbiamo assistito è stato la diretta conseguenza delle misure di restrizione imposte in tutto il mondo dalla pandemia, non l’effetto di un progetto di trasformazione strutturale del sistema alimentare. Il cambiamento registrato rappresenta la prova tangibile che una trasformazione sostenibile è possibile ed evidenzia il potere che abbiamo come cittadini, attraverso ciò che mettiamo ogni giorno nel piatto. Insieme al Global Footprint Network abbiamo stimato che ripensando il nostro approccio al cibo, eliminando gli sprechi alimentari, prediligendo alimenti stagionali, scegliendo prodotti sostenibili e seguendo diete più sane, bilanciate e a base vegetale potremmo spostare l’Overshoot Day in avanti di 32 giorni” - ha dichiarato Marta Antonelli, Direttore di Ricerca della Fondazione Barilla

I 5 CONSIGLI CONCRETI (E ALLA PORTATA DI TUTTI) PER SPOSTARE IN AVANTI LA DATA DELL’OVERSHOOT DAY 

A livello globale, numerosi attori si sono già attivati per ripensare gli attuali sistemi alimentari in un’ottica più sostenibile. L’OMS, ad esempio, ha lavorato sulle linee guida per elaborare modelli dietetici sani e sostenibili. La FAO ha lavorato perché i Governi acquisissero sempre più consapevolezza sui danni economici, sociali e ambientali legati allo spreco alimentare. L’UE ha elaborato la strategia From Farm to Fork per costruire un sistema alimentare resiliente, equo e sano. E se da una parte stakeholder e policy makers sono già scesi in campo, adesso è il momento che ognuno di noi dia il proprio contributo attraverso piccole scelte quotidiane. Per questo motivo, Fondazione Barilla ha elaborato 5 consigli concreti e semplici da applicare per spostare in avanti la data dell’Overshoot Day: 

1. preferire alimenti a base vegetale– per mangiare in modo vario e rinforzare il legame tra uomo e terra;

2. acquistare dagli agricoltori locali seguendo la stagionalità –accorciando la catena di approvvigionamento tra produttore e consumatore e sostenendo così l'economia del territorio;

3. scegliere alimenti prodotti con pratiche agricole sostenibili, per aiutare a decarbonizzare il sistema alimentare rispettando gli ecosistemi naturali;

4. seguire regimi alimentari sani e sostenibili, come la Dieta Mediterranea, per fare bene alla nostra salute e a quella del Pianeta;

5. prevenire le perdite e gli sprechi alimentari: visto che tutto il cibo sprecato in un anno rappresenta circa l'8% delle emissioni annuali di gas a effetto serra.



1  https://www.overshootday.org/content/uploads/2020/06/Earth-Overshoot-Day-2020-Calculation-Research-Report.pdf

 2 https://www.overshootday.org/solutions/food/

 3  https://www.ipcc.ch/srccl/


--------------

NOTA PER I MEDIA: 

Segui anche l’account Barilla Center for Food & Nutrition Foundation su Twitter: https://twitter.com/BarillaCFN 

----------------

BCFN PRESS OFFICE c/o INC ISTITUTO NAZIONALE PER LA COMUNICAZIONE

Simone Silvi - Senior Account Media Relations - s.silvi@inc-comunicazione.it - +39 335 1097279

Mariagrazia Martorana m.martorana@inc-comunicazione.it 333 5761268 – 06 441608 64


Per FONDAZIONE BARILLA: 

Mariacamilla Morino, Head of Communications Barilla Center for Food & Nutrition Foundation -

mariacamilla.morino@barillacfn.com +39 0521 262511; +39 338 6769407

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le preferenze da te manifestate nel corso della navigazione in rete. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie.
Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.   Continua