24 nov 2015

GIORNALISTI DA TUTTO IL MONDO RACCONTANO L’ITALIA DEL CIBO E DELLA SOSTENIBILITÀ IN UN LIBRO

Nell’anno di Expo 2015, 55 giornalisti da 27 paesi presentano oggi “Gusto italiano per nutrire il mondo”. Alto l’interesse dei corrispondenti sulla Carta di Milano, il documento ispirato dal Protocollo di Milano della Fondazione Barilla (BCFN).

Sarà presentato oggi “Gusto italiano per nutrire il mondo”, il libro che raccoglie gli articoli, i servizi e le fotografie di 55 giornalisti di 27 diversi paesi stranieri, in Italia per raccontare il tema della nutrizione e il ruolo che nell’anno di Expo 2015 il nostro paese ricopre in campo alimentare.

Con lo sguardo critico di chi vede la realtà da un’altra prospettiva, i corrispondenti hanno dato molta attenzione alla Carta di Milano, il documento promosso dal Governo Italiano per diffondere la lotta allo spreco di cibo e combattere la malnutrizione, nato dalle proposte del Protocollo di Milano della Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition (BCFN).

Il libro contiene la prefazione di Guido Barilla, presidente della Fondazione Barilla, che ha sottolineato l’importanza dei temi: “Le previsioni future – evidenziate dagli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite -­‐ sono molto sfidanti. La velocità di cambiamento degli scenari esterni ci impone la necessità di inquadrare sempre meglio quei fenomeni globali come i cambiamenti climatici, le migrazioni, la variazione degli attuali stili alimentari e la sostenibilità dei modelli agricoli. Mi auguro che, dopo l’esperienza di Expo Milano 2015, che ha contribuito a rafforzare il ruolo di leadership dell’Italia in campo alimentare, sapremo tutti insieme lavorare per rendere il sistema agro -­‐ alimentare più sostenibile”.

La Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition continua il suo lavoro in questa direzione, per cercare di dare risposte concrete ai paradossi del sistema alimentare, lavorando con la sua rete composta da più di 500 esperti internazionali. Con loro ha dato vita nel 2014 al Protocollo di Milano, documento ispiratore della Carta di Milano, proposta dal Governo italiano come eredità di Expo Milano 2015. E con 80 giovani ricercatori da tutto il mondo ha realizzato lo Youth Manifesto, un documento con sette proposte operative per i sette ruoli chiave del sistema alimentare: policy maker, agricoltori, attivisti, educatori, industria alimentare, giornalisti e ricercatori.

Nel mondo circa 800 milioni di persone soffrono la fame ogni giorno, mentre 2,1 miliardi sono obese o in sovrappeso. Un terzo dei raccolti è impiegato per produrre mangimi e biocarburanti, nonostante il dilagare della fame e dellamalnutrizione. 1,3 miliardi di tonnellate di cibo commestibile sono sprecati ogni anno, 4 volte quanto sarebbe sufficiente a nutrire le persone che non hanno da mangiare.

Questi sono paradossi ancora irrisolti. Contraddizioni che Expo Milano 2015 ha contribuito a mettere in luce e che non possono essere dimenticate con la fine dell’Esposizione Universale.
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk