5 feb 2015

COME SARÀ LA CARTA DI MILANO CHE PARTE DA “EXPO IDEE” IL 7 FEBBRAIO?

La proposta delle Fondazione Barilla CFN su www.protocollodimilano.it Vai su www.barillacfn.com per scoprire le idee per Expo2015 di Istituzioni, aziende ed esperti internazionali.

Il 7 febbraio avrà inizio quella che potrebbe essere l’eredità più grande di Expo 2015: la prima stesura della Carta di Milano, una proposta di accordo mondiale per garantire cibo sano, sicuro e sufficiente per tutti.

Il sistema alimentare mondiale è pieno di contraddizioni: nonostante venga prodotto cibo in abbondanza per tutti, quasi un miliardo di persone soffre la fame, mentre si continua a sprecare il cibo e sfruttare la terra per dare da mangiare al bestiame e alle macchine.

Alla presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi, si terrà il convegno “L’Expo delle idee – verso la Carta di Milano,” evento promosso dal ministero delle Politiche Agricole con la partecipazione di istituzioni, aziende, mondo accademico e rappresentanze associative e della società civile, compresa la Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition (BCFN).

Quale forma prenderà il documento che sarà consegnato al segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon il 16 ottobre?

Il contributo che la Fondazione BCFN mette a disposizione del convegno del 7 febbraio è riassunto nel Protocollo di Milano ( www.protocollodimilano.it ), dove sono elencate misure concrete per: combattere lo spreco alimentare dal campo alla tavola; lottare contro la fame e l’obesità, promuovendo stili di vita sani a partire dalla giovane età; incoraggiare un’agricoltura più sostenibile opponendosi alla speculazione finanziaria sulle materie prime alimentari.

Partito nel 2013 da un’idea del comitato scientifico della Fondazione Barilla, il Protocollo di Milano si è avvalso del parere di 500 esperti internazionali, e ha raccolto le adesioni di più di 70 istituzioni e organizzazioni pubbliche e private fra cui Coldiretti, Eataly, Jamie Oliver Foundation, Legambiente, Save The Children, Slow Food e World Wildlife Fund (WWF).

Nel dare il proprio sostegno alla proposta della Fondazione BCFN il 20 novembre 2014, il Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi ha dichiarato: “Il Governo italiano crede, scommette e punta sul Protocollo di Milano: i suoi obiettivi sono anche i nostri.”

La Fondazione Barilla, portando il proprio contributo a “Expo delle Idee”, ha raccolto il parere di istituzioni, aziende ed esperti internazionali sulla grande manifestazione che inizia il 1 maggio. Per sapere cosa ne pensano delle sfide e le opportunità di un accordo mondiale sull’alimentazione le principali parti coinvolte – da Paolo de Castro, relatore per Expo2105 della commissione Agricoltura e Sviluppo rurale del Parlamento Europeo, a Ertharin Cousin, direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale (PAM) delle Nazioni Unite - visita: www.barillacfn.com
Questo sito web utilizza i cookie per migliorare l'esperienza dell'utente. Utilizzando il nostro sito l'utente acconsente a tutti i cookie in conformità con la Normativa sui Cookie.   Leggi tuttoOk