Utilizza gli scarti

Utilizza gli scarti

19 Aprile 2019

Utilizza gli scarti

In Italia lo spreco alimentare costa circa 450 euro all’anno per famiglia, che corrispondono a 37 miliardi di euro in totale. Nel nostro piccolo possiamo quindi contribuire a ridurre lo spreco alimentare, compiendo piccoli accorgimenti quotidiani. Parliamo di arte del recupero, ovvero come utilizzare avanzi e scarti in cucina.

Avanzi intelligenti

Può capitare di cucinare troppo e di dover conservare cibo già cotto in frigorifero o nel congelatore. Bisogna sapere come conservarli al meglio: è necessario avere contenitori appositi (meglio se trasparenti così da vedere a colpo d’occhio cosa c’è dentro e meglio se di vetro, in modo da limitare l’uso della plastica). Essenziale segnarsi le date, perché la maggior parte dello spreco alimentare deriva da cibi che vengono buttati via direttamente dal frigo o dal congelatore perché non ci si ricorda quanto tempo è passato da quando sono stati cotti.

Tutto fa brodo

Scorze di parmigiano, scarti di verdure o di arrosto sono tutti alimenti di cui è facile utilizzare gli avanzi: basta un frullatore, del brodo vegetale o di pollo, e la zuppa è pronta! Si può condire il tutto anche con un filo di olio o con qualche crostino, magari recuperando il pane secco.

Fai bollire il tuo latte

Quante volte aprendo il frigorifero troviamo un cartone di latte prossimo alla scadenza che non riusciremo mai a bere? Una soluzione potrebbe essere quella di farlo bollire. Se usato come crema o come base per un dolce, il nostro latte può durare ancora a lungo in frigo e viene salvato da uno spreco alimentare certo.

Che polpa! 

Se usate un estrattore per i succhi fatti in casa, potete utilizzare gli avanzi: possono facilmente diventare la base per marmellate, omogeneizzati o sughi per piatti dolci o salati.

Nuova vita alle bucce

Non solo si possono utilizzare gli avanzi, ma spesso buttiamo parti di cibo che possono facilmente diventare la base per qualcosa di nuovo e gustoso. Pensiamo ad esempio alle bucce di mele, pere e arance, ai gambi di insalata o a foglie varie che spesso scartiamo. Tutte queste bucce possono essere usate come aromi o unite a carne trita, verdure o pane per confezionare gustose polpette.

Scopri di più su Cibo e sostenibilità

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le preferenze da te manifestate nel corso della navigazione in rete. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie.
Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.   Continua