Patrimoni mondiali dell’agricoltura

Patrimoni mondiali dell’agricoltura

06 Marzo 2020

Patrimoni mondiali dell’agricoltura

In alcune aree del mondo la stretta relazione tra l’uomo e l’ambiente in cui vive ha dato vita a sistemi complessi in cui agricoltura, cultura e biodiversità sono una  importante eredità per il futuro.

Si chiamano Globally Important Agricultural Heritage Systems (GIAHS) e rappresentano qualcosa di più delle convenzionali aree protette. Si tratta, secondo la definizione ufficiale, di “sistemi di utilizzo del suolo e del territorio degni di nota, ricchi in biodiversità che si evolvono dal co-adattamento di una comunità con il suo ambiente e i suoi bisogni e aspirazioni per uno sviluppo sostenibile". Sono già 52 i GIAHS designati in 21 paesi di tutto il mondo e alcuni sono in fase di valutazione per poter rientrare nella lista dei territori che rappresentano anche importanti risorse di conoscenza e cultura indigena. 

In Africa, per esempio, sono tre, e includono luoghi come le oasi del Maghreb e i datteri dell’oasi di Siwa, in Egitto. In Cina, che conta da sola ben 15 siti, sono classificate e protette diverse colture di riso in terrazzamenti tradizionali. In Iran sono considerati tradizionali le colture di uva della valle di Jowzan (da cui si ricava un’uvetta secca molto pregiata) e la produzione dello zafferano. In Italia sono protetti i vigneti del Soave e gli oliveti umbri, tra Assisi e Spoleto.

La bellezza di queste zone, unita alla resilienza degli ecosistemi e a un notevole patrimonio culturale si traducono in sicurezza alimentare per milioni di piccoli agricoltori. Si tratta però di aree messe alla prova da numerosi fattori tra i quali anche il cambiamento climatico e la migrazione legata a difficoltà economiche che rischia di far crollare definitivamente sistemi di agricoltura familiari.


I GIAHS diventano maggiorenni

Di fronte a questo scenario, nel 2002 la FAO lanciò, nel corso del Summit Mondiale sullo Sviluppo Sostenibile di Johannesburg, in Sud Africa, l’iniziativa di partnership globale sulla conservazione e la gestione delle GIAHS

Da allora e nel corso degli anni sono stati identificate diverse aree che possono rientrare nella definizione di GIAHS e che, di conseguenza, possono beneficiare degli aiuti derivati dal progetto FAO, la cui importanza è riconosciuta a livello internazionale. 

Lo scopo principale del programma è l’identificazione e la salvaguardia delle zone protette e di tutto ciò che ruota attorno ad esse. Per fare ciò vengono messi in campo programmi a lungo termine per supportare tali sistemi, un sostegno sistematico previsto a tre livelli: uno globale per facilitare il riconoscimento di queste realtà e consolidare e condividere le lezioni imparate da progetti locali; uno nazionale, per far sì che i GIAHS rientrino nei piani di settore e nelle policy dei singoli Stati; e infine uno a livello locale, dove le attività del progetto si occuperanno di valutare nel dettaglio le strategie per la conservazione e la gestione adattativa delle singole comunità.


Approfondisci gli argomenti correlati:

Scopri di più su Cibo e sostenibilità

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le preferenze da te manifestate nel corso della navigazione in rete. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie.
Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.   Continua