news

cibo e sostenibilità

La selezione dei vincitori di BCFN YES! e le tappe successive

Nell’edizione 2016 del concorso BCFN YES! è stata istituita per la prima volta una borsa di studio, un passo avanti con il quale la Fondazione si propone di affrontare i principali problemi del sistema alimentare globale, incentivando ancora una volta l’istruzione di livello superiore con un approccio multidisciplinare e di respiro internazionale. Le vincitrici di quest’anno sono Anne-Teresa Birthwright e Shaneica Lester, che hanno presentato un progetto volto a sviluppare i mezzi di sostentamento agricoli e a massimizzare la produzione in Giamaica attraverso istruzione, metodi di irrigazione più efficienti e capitale sociale.

Da quando il concorso è stato indetto all’inizio dell’anno, cento candidati provenienti da quaranta Paesi diversi hanno presentato le proposte di ricerca più disparate. Una giuria composta da esperti di tutto il mondo ha selezionato i dieci team finalisti  sulla base della solidità, dell’organizzazione e della fattibilità dei loro progetti.
I dieci team selezionati sono stati invitati a esporre le loro proposte di ricerca il 30 novembre all’Università Bocconi di Milano in occasione del 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione. Dopo essere stato presentato dagli Alumni BCFN , ciascun team finalista ha avuto l’opportunità di illustrare i punti salienti della propria ricerca e di rispondere alle domande della giuria. Tutte le proposte si sono distinte per competenza, validità e qualità dell’idea, e tutte meritano un riconoscimento speciale.

Anne-Teresa Birthwright e Shaneica Lester, dalla Giamaica, si sono aggiudicate il premio con il loro progetto “Sopravvivere alla siccità: un curriculum di irrigazione per i piccoli agricoltori della Giamaica” .

La giuria ha selezionato le vincitrici basandosi sulla rilevanza e sulla concezione dello studio, sull’unicità della proposta e sull’efficacia della presentazione al pubblico.
La borsa di studio da 20.000 euro sarà utilizzata per una ricerca della durata di un anno, nel corso del quale le ricercatrici si manterranno in stretto contatto con la Fondazione e l’Advisory Board, informandoli regolarmente dei progressi. La borsa di studio vuole sostenere un progetto che sia innovativo, che prometta di avere un grande impatto e che possa definirsi rivoluzionario per la sostenibilità del sistema agroalimentare.
Ma non indugiamo oltre e andiamo alla scoperta del progetto di Anne-Teresa e Shaneica, e di come la borsa di studio le aiuterà a portare avanti la loro ricerca.

Le caratteristiche del progetto di ricerca e le vincitrici

Alcuni mesi fa, Shaneica Lester e Anne-Teresa Birthwright hanno deciso di unire le forze per lavorare a questo progetto, mettendo insieme alcuni aspetti delle rispettive aree di ricerca. L’obiettivo era creare un progetto orientato all’effettiva messa in atto, che permettesse loro di esplorare soluzioni ai problemi di sostenibilità del Paese. È nato così un Curriculum per il Trasferimento del Sapere (Knowledge Transfer Curriculum, KTC) incentrato sull’irrigazione, che propone un approccio mirato alle realtà dei piccoli agricoltori in Giamaica.
Negli ultimi anni, gli agricoltori giamaicani si sono trovati ad affrontare problemi idrici sempre maggiori dovuti alla modifica del regime delle precipitazioni e a prolungati periodi di siccità. Questa siccità ricorrente ha determinato una diminuzione dei raccolti associata a un vertiginoso aumento dei prezzi delle colture locali. Gli agricoltori sono riusciti in qualche modo ad adattarsi all’aridità dell’ambiente attraverso l’uso delle conoscenze tradizionali locali, senza però ottenere un miglioramento della produttività.
I piccoli agricoltori della parrocchia di St. Elizabeth in Giamaica potranno trarre vantaggio da tre percorsi (Unità 1 –Gestione e conservazione delle risorse idriche improntate alla salvaguardia del clima, Unità 2 –Gestione del suolo e dell’acqua, Unità 3 – Interazioni piante-acqua) che mirano ad arricchire il patrimonio di conoscenze delle strategie di irrigazione adattativa. Si tratta di una concezione trasversale che, attraverso la discussione e la collaborazione con le autorità locali e con i rappresentanti della comunità, consentirà di integrare il sapere tradizionale con le conoscenze scientifiche e tecniche.

Anne-Teresa Birthwright si occupa di ricerca nel campo dell’agricoltura sostenibile, dei mezzi di sostentamento rurali e del cambiamento climatico, mentre Shaneica Lester si concentra sulla pianificazione sostenibile, sulle città e sulla gestione delle risorse idriche all’interno della relazione uomo-ambiente. Unendo le loro competenze, sono riuscite a sviluppare questo progetto di supporto al settore agricolo. Le due ricercatrici hanno accolto con grande entusiasmo l’assegnazione della borsa di studio del BCFN YES!, che offre loro l’opportunità di essere parte della soluzione e di mettere le loro abilità e conoscenze al servizio dei piccoli agricoltori, aiutandoli ad affrontare i problemi legati all’irrigazione.

Come sarà investita la borsa di studio?
Attraverso piccole sessioni interattive composte da circa 15 partecipanti, ciascuna unità sarà analizzata in maniera approfondita all’interno di una comunità. Le unità saranno combinate con le stagioni piovose e secche della Giamaica nonché con la siccità di mezza estate. Sarà inoltre effettuata una ricognizione sul campo per stabilire un rapporto con gli agricoltori, raccogliere informazioni e selezionare la comunità ideale per l’attuazione di ciascuna unità del curriculum.
Verrà condotta un’indagine sulle conoscenze, i comportamenti e le percezioni allo scopo di rilevare e confrontare le esperienze sia degli agricoltori che hanno adottato e attuato le strategie adattative del KTC sia di quelli che non l’hanno fatto. Ciascuna comunità avrà circa due mesi di tempo prima di essere sottoposta a una valutazione. Questo approccio consentirà ai ricercatori di raccogliere dati autentici per capire in quale misura siano state implementate queste strategie e quanto siano percepite come efficaci per la risoluzione dei problemi idrici degli agricoltori.
Contemporaneamente all’implementazione del KTC, saranno registrate le coordinate geografiche di terreni selezionati in ciascuna delle tre comunità al fine di arrivare a una classificazione comparativa della copertura del suolo. Sarà poi utilizzato il Normalized Difference Vegetation Index (NDVI) per classificare queste aree preselezionate sulla base della quantità relativa di biomassa verde. Saranno inoltre analizzati i cambiamenti avvenuti nello stato di salute delle colture tra la fase di implementazione e quella di valutazione del progetto.
Il premio BCFN YES! 2016 ha per noi un valore inestimabile; questo concorso ci ha aperto la strada per continuare a evolverci come ricercatrici proattive” – hanno commentato le due vincitrici. “Questa borsa di studio rappresenta un’opportunità per creare un effetto a catena con l’adozione di pratiche simili in altre località. L’impatto di questo progetto sui mezzi di sostentamento dei piccoli agricoltori e sul rinnovamento del settore agricolo potrebbe essere davvero senza precedenti”.

Shaneica Lester, Anne-Teresa Birthwright (vincitrici del concorso BCFN Yes! 2016)
e Katarzyna Dembska (BCFN Alumni)
Gallery

studies

cibo e sostenibilità

Articoli correlati

cibo e società

Due solidi pilastri per la Politica agricola comune

Un insieme di regole aggiornate nel corso degli anni garantisce all’Europa una Politica Agricola Comune capace di guidare l’innovazione e rispondere ai cambiamenti climatici e alle sempre nuove esigenze della società.

Leggi tutto
cibo e sostenibilità

L'agro-ecologia: come preservare salute, nutrizione ed equità nei sistemi alimentari, in un mondo affetto dal cambiamento climatico

All'inizio di maggio 2017, la Global Alliance for the Future of Food ha organizzato il suo 2°Dialogo Internazionale, al quale hanno partecipato oltre 250 esperti di sistemi alimentari a livello locale e globale. Lo scopo era quello di analizzare in modo più approfondito il rapporto tra cambiamento climatico e sistemi alimentari e di proporre nuove visioni dei sistemi alimentari di cui abbiamo e avremo bisogno, individuando potenziali percorsi per modellarli.

Leggi tutto
cibo e sostenibilità

Il giorno in cui la terra oltrepassa il limite della sostenibilità ambientale

Ogni anno, in una data precisa che viene calcolata in base a un apposito indice, l’umanità termina di consumare le risorse che la Terra è in grado di generare per quell’anno. Tutto quello che viene consumato in seguito è un debito con l’ambiente che è urgete iniziare a saldare.

Leggi tutto
Questo sito utilizza cookie per inviarti comunicazioni e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.   Leggi tuttoOk