news

cibo e sostenibilità

L’ispirazione alla base di una nuova consapevolezza

Per combattere i mutamenti climatici e favorire lo sviluppo sostenibile è necessario promuovere la circolazione di informazioni inerenti le diverse tecniche agricole, da contadino a contadino e da cittadino a cittadino. Il Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione indetto da BCFN, che si terrà a Milano il primo dicembre, è nato proprio con l’intento di favorire la condivisione di conoscenze tra i diversi stakeholders.

In India ho vissuto una delle esperienze più entusiasmanti della mia vita: ho avuto modo di trascorrere un’intera giornata con un gruppo di circa 50 contadine del luogo e di imparare direttamente da loro quali metodologie agricole utilizzassero. Mi raccontarono come si raccoglie l’acqua piovana e mi spiegarono le tecniche di vermicoltura e compostaggio.
Le contadine indiane sapevano che avevo viaggiato per tutto il mondo – per più di 60 località subsahariane tra Africa, Asia e America Latina – intervistando centinaia di agricoltori locali; così, dopo aver risposto alle mie domande, volevano sentire cosa avessi da raccontare io. In particolare, volevano sapere come gli agricoltori, e soprattutto le contadine, cercassero di fronteggiare i mutamenti climatici nell’Africa subsahariana.

In quel momento, capii quanto fosse importante condividere informazioni sulle tecniche agricole – tramite racconti diretti, passaparola e via web. Cominciai anche a capire l’importanza di far conoscere alle imprese, ai politici, a donatori e finanziatori le innovazioni agricole realizzate dai contadini locali.
Questo è il motivo per il quale sono sempre pronta a trarre ispirazione dalle persone che incontro durante i miei viaggi: dai contadini delle campagne statunitensi, dai politici italiani, dagli chef del Senegal, dai leader dell’economia ungherese…da tutti coloro che desiderano sapere come rendere il nostro sistema alimentare più ricco, nutriente, sano e, allo stesso tempo, più sostenibile a livello ambientale, economico e sociale.

Costruire relazioni
Grazie al sito web e alle newsletter, Food Tank connette tra loro migliaia di persone interessate al tema dello sviluppo sostenibile. Raggiungendo più di 300,000 destinatari a settimana, riusciamo ad amplificare notevolmente il lavoro dei singoli e delle organizzazioni interessate ad affrontare tematiche quali lo spreco delle risorse, il paradosso di fame e obesità, la violazione dei diritti umani nella pratica dell’agricoltura, la reperibilità di alimenti di qualità a prezzi accessibili.
Utilizzando la nostra abilità di storytelling, riusciamo a rendere tali tematiche vive e attuali, diffondendo conoscenze e creando connessioni tra le parti interessate. Inoltre, avendo più di 500,000 follower sui nostri social, riusciamo a collegare istantaneamente utenti di tutto il mondo.
Gran parte del lavoro della Fondazione BCFN consiste nel costruire e consolidare relazioni. BCFN YES! è un concorso nato nel 2012, dedicato al tema della sostenibilità e rivolto agli studenti e ai ricercatori di tutto il mondo. Il concorso ha l’obiettivo di premiare le migliori idee nate per favorire lo sviluppo sostenibile, garantendo loro supporto finanziario e consentendone la concreta realizzazione. Dopo la conclusione del progetto, i giovani ricercatori possono restare in contatto tramite il BCFN Alumni Network, che rappresenta un’ottima opportunità per continuare a scambiarsi idee e conoscenze, condividendo esperienze e intuizioni.

Interagire e comunicare è il miglior modo per supportare la ricerca. Raccontare ciò di cui ci occupiamo, inoltre, serve ad amplificare il lavoro delle nostre organizzazioni partner, che a oggi sono più di 40. La nostra missione è principalmente quella di focalizzare l’attenzione di finanziatori, donatori e policy makers sui temi legati allo sviluppo sostenibile. Per questo motivo stiamo organizzando Food Tank Summit in tutto il mondo. I nostri convegni sono organizzati in maniera tale da favorire la circolazione di idee e di spunti fra le diverse parti, che altrimenti non si troverebbero mai allo stesso tavolo a causa dei loro diversi punti di vista. Durante i nostri incontri, Repubblicani e Democratici hanno condiviso le proprie opinioni cenando insieme; dirigenti della Monsanto e scienziati si sono trovati faccia a faccia con ambasciatori della giustizia alimentare; i contadini hanno potuto imparare dagli studenti; i genitori hanno avuto la possibilità di interagire direttamente con i leader della ristorazione per capire meglio di cosa si nutrono i propri bambini.
Queste occasioni permettono nuove opportunità di dialogo, e sono l’unico modo per migliorare il nostro sistema alimentare. Per troppo tempo abbiamo pensato unicamente ai nostri interessi individuali. È il momento di rompere le barriere che ci separano e di cercare insieme le soluzioni per una vita e un mondo più sano.

Danielle Nierenberg
Cofondatrice di Food Tank e membro dell’Advisory Board BCFN.

Gallery

studies

cibo e sostenibilità

Articoli correlati

cibo e sostenibilità

Selina Juul: la lotta allo spreco alimentare parla danese

Alla guida della più grande Organizzazione non governativa danese, l’attivista è riuscita a ottenere importanti vittorie nella battaglia contro lo spreco alimentare che combatte con l’aiuto dei singoli consumatori e delle organizzazioni internazionali.

Leggi tutto
cibo per tutti

Giornata della Terra - Educare a preservare l’ambiente per salvare il Pianeta

Il 22 aprile è la Giornata della Terra, una iniziativa che raggruppa 192 Paesi con lo scopo di “alfabetizzare” i cittadini sui temi ambientali. BCFN partecipa lanciando il Food Sustainability Report, uno strumento per essere sempre informati su ciò che accade nel mondo della sostenibilità agricola e alimentare.

Leggi tutto
cibo e sostenibilità

La fame “nascosta” nel mondo sviluppato

In genere l’espressione “fame nel mondo” richiama alla mente immagini di bambini che soffrono la fame nei Paesi in via di sviluppo – un tipo di fame che, purtroppo, continua a essere una realtà. La malnutrizione però è molto più complessa, poiché può colpire molti bambini che consumano cibo a sufficienza e persino bambini obesi e in sovrappeso, che assumono cibi non adeguati perché privi delle vitamine e dei minerali essenziali per la crescita e lo sviluppo. Questa fame “nascosta” può provocare danni irreversibili nei bambini e ripercuotersi negativamente sulle comunità e sulle economie di intere nazioni.

Leggi tutto
Questo sito utilizza cookie per inviarti comunicazioni e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.   Leggi tuttoOk