INFOODS: un’organizzazione mondiale per alimenti più nutrienti

INFOODS: un’organizzazione mondiale per alimenti più nutrienti

15 Gennaio 2021

INFOODS: un’organizzazione mondiale per alimenti più nutrienti

Con centri di dati nelle diverse regioni del mondo, INFOODS lavora per migliorare qualità e diffusione dei dati sulla composizione degli alimenti, la quale può variare notevolmente da paese a paese.

“I dati sulla composizione degli alimenti sono assolutamente fondamentali nel dominio della nutrizione e il settore agricolo dovrebbe prestarci più attenzione, in modo che gli alimenti disponibili siano più nutrienti”. È quello che si legge sul sito Web di INFOODS, ovvero il network internazionale formato da specialisti della nutrizione che mira a migliorare la qualità, la diponibilità, l’affidabilità e l’utilizzo dei dati sulla composizione degli alimenti, come delle bevande e dei loro ingredienti.

INFOODS, dall’inglese International Network of Food Data Systems, nasce nel 1984 dalla raccomandazione di un gruppo di 30 specialisti della nutrizione che si erano riuniti l’anno precedente a Bellagio. Il network ha una struttura ben organizzata. Si compone di un coordinatore mondiale che supervisiona le attività e di centri di dati regionali con membri nazionali e un coordinatore regionale. Dalla sua parte, INFOODS gode della presenza di diversi organi di controllo: è stato istituito sotto il patrocinio United Nations University (UNU) con la partecipazione dell’International Nutrition Foundation (INF), è una task force dell’International Union of Nutritional Sciences (IUNS), e la FAO è il suo coordinatore mondiale dal 1999.


Missione di INFOODS

La missione di INFOODS è così definita: “Promuovere la partecipazione e la cooperazione internazionale in materia di acquisizione e diffusione dei dati adeguati e affidabili sulla composizione degli alimenti, delle bevande e dei loro ingredienti, in una forma che permetta di soddisfare i bisogni dei differenti utilizzatori (organi governativi, scienziati ed educatori specializzati nella nutrizione, professionisti della salute e dell’agricoltura, responsabili politici e pianificatori, produttori/trasformatori/rivenditori e consumatori degli alimenti)”.

Attraverso numerose attività INFOODS si pone diversi obiettivi, quali l’elaborazione di criteri internazionali, recensire le risorse esistenti, promuovere la produzione, l’acquisizione e la diffusione di nuovi dati, rendere più facile l’accesso, la ricerca, lo scambio e l’armonizzazione. E lo fa, per esempio, rinforzando la collaborazione con altri organismi, aiutando i paesi nella compilazione e mettendo a disposizione un sistema di gestione dei database. Inoltre, opera la diffusione delle informazioni sia attraverso il suo sito internet e alcuni social sia mediante conferenze.


Perché c’è bisogno di INFOODS? 

Bisogna tener presente che i contenuto di nutrienti negli alimenti può variare in modo significativo a causa di diversi fattori, quali la biodiversità alimentare, il paese in questione con le proprie abitudini di consumo, così come l’ambiente, la genetica ma anche le trasformazioni a cui sono sottoposti gli alimenti. Proprio in virtù di questa variabilità, i diversi paesi del mondo hanno dei bisogni specifici in materia di dati, i quali però, come viene spiegato sul sito, devono seguire delle linee internazionali ben precise per considerarsi affidabili e comparabili, e riflettere le abitudini alimentari e gli schemi di consumo di quel paese. Il che non sempre riflette la realtà. Ci sono paesi infatti che hanno dati insoddisfacenti e altri che non avendo propri database (o tabelle) utilizzano, per esempio, quelli di libero accesso o di paesi vicini, cadendo nel rischio di errori. Nel quadro di INFOODS si ha ben presente questo aspetto, come si ammette che la produzione, ma anche l’interpretazione e l’utilizzo dei dati, richiede diverse conoscenze. Si ritiene quindi utile una formazione adeguata, sia nelle università sia nelle organizzazioni che formano gli specialisti. Un esempio è il manuale di studio sulla composizione degli alimenti (Food Composition Data), un corso disponibile gratuitamente sul sito della FAO.

Scopri di più su Cibo e sostenibilità

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le preferenze da te manifestate nel corso della navigazione in rete. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie.
Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.   Continua