I vincitori del Food Sustainability Media Award si ritrovano a Londra per un corso di formazione giornalistica

I vincitori del Food Sustainability Media Award si ritrovano a Londra per un corso di formazione giornalistica

18 Luglio 2018

I vincitori e i finalisti delle categorie testo, fotografia e video inediti del Food Sustainability Media Award (FSMA) 2017 si sono ritrovati a Londra per partecipare a un workshop di cinque giorni sul giornalismo.

I vincitori e i finalisti delle categorie testo, fotografia e video inediti del Food Sustainability Media Award (FSMA) 2017 si sono ritrovati a Londra per partecipare a un workshop di cinque giorni sul giornalismo. Il workshop prende in esame il paradosso della fame e della mancanza di cibo in un mondo in lotta contro gli sprechi e l’obesità e la pratica di utilizzare il cibo per allevare il bestiame o produrre combustibile.

Partecipanti provenienti da Italia, Kenya, Stati Uniti, India, Brasile, Israele e Regno Unito hanno affrontato numerosi temi: dall’agro-ecologia alle malattie cardiovascolari, dalla genetica fino alle emissioni di gas serra prodotte dall’agricoltura. 

Hanno condotto il workshop i giornalisti Jo Winterbottom, la responsabile del programma di ricerca del Barilla Centre for Food and Nutrition Marta Antonelli e il media consultant e formatore di giornalismo Nicholas Phythian

Abbiamo parlato con accademici di Oxford, abbiamo esplorato il giornalismo investigativo, abbiamo iniziato a esaminare il data journalism (il giornalismo che parte dai dati) utilizzando il Food Sustainability Index del Barilla Center, ed è solo il terzo giorno,” ha raccontato Nicholas Phythian. “I partecipanti contribuiscono al workshop tanto quanto i formatori che li affiancano.”

Quando ero piccola, crescendo in una grande città, non sapevo da dove provenisse il mio cibo,” ha spiegato Merin Porter, vincitrice statunitense della categoria FSMA Best of the Web. “Voglio che i miei figli sappiano da dove viene ciò che mangiano.

Il Food Sustainability Media Award sta mettendo molta carne al fuoco. Giunta al suo secondo anno, la partnership tra la Thomson Reuters Foundation e il Barilla Center for Food and Nutrition ha lo scopo di riconoscere l’eccellenza di giornalisti professionisti e di talenti emergenti di tutto il mondo nel raccontare e comunicare i problemi legati alla sicurezza alimentare, alla sostenibilità, all’agricoltura e alla nutrizione.

La nomination mi ha cambiato la vita e mi ha stimolato molto,” ha dichiarato Matheus Sborgia, co-finalista della categoria video inedito. Il suo film, “The People in the Shadows” (Le persone nell’ombra), mostra gli agricoltori su piccola scala, i produttori e i consumatori che stanno dietro al cibo che mangiamo.


Con poco meno di 500 partecipanti, il processo di selezione dei vincitori è stato arduo, ha spiegato Laurie Goering, climate editor della Thomson Reuters Foundation e giudice FSMA. “Non eravamo alla ricerca di qualcosa di sterile e accademico,” ha aggiunto.

Ora che il mondo si trova alle prese con cambiamenti climatici, i problemi che ruotano attorno alla sostenibilità alimentare dovrebbero essere il principale interesse dei reporter. Spesso, però, i giornalisti non si rendono conto di come questi problemi siano al centro di molte altre questioni che affrontano. Tutti noi acquistiamo e mangiamo cibo e tutti noi dovremmo conoscere questi problemi perché, negli anni a venire, diventeranno sempre più rilevanti.”

Per maggiori informazioni sul Food Sustainability Award, visitate il sito web www.goodfoodmediaaward.com


image

Scopri di più su cibo e sostenibilità

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le preferenze da te manifestate nel corso della navigazione in rete. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie.
Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.   Continua