news

cibo e sostenibilità

Dalla teoria alla pratica

Angelo Riccaboni, racconta perché è importante cominciare ad agire e non più limitarsi allo sviluppo di una teoria della sostenibilità. È infatti giunto il momento di mettere in luce proposte concrete per combattere i paradossi del cibo:sarà questo lo scopo del settimo Forum di BCFN su alimentazione e nutrizione.

Come rettore, a Siena, ha sviluppato il tema della sostenibilità nella sua università. Ora che ha lasciato la direzione dell’ateneo toscano per tornare a fare “solo” il professore, Angelo Riccaboni si dedica appieno allo studio della sostenibilità dal punto di vista delle discipline economiche e della gestione aziendale. Ma non solo: presiede l’assemblea del Sustainable Development Solutions Network (UN-SDSN), un’iniziativa delle Nazioni Unite lanciata nel 2012 dal presidente Ban Ki-moon per promuovere soluzioni scientifiche e tecnologiche a favore della sostenibilità ambientale. Con BCFN Riccaboni condivide gli intenti: anche lo studio realizzato dall’Economist Intelligence Unit insieme a BCFN, che verrà presentato nel corso del settimo International Forum on Food and Nutrition che si terrà a Milano il 1 Dicembre prossimo, è volto a mettere in luce le migliori policy e best practice su scala globale capaci di combattere i grandi paradossi del cibo e raggiungere obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) che le Nazioni Unite hanno recentemente divulgato.

Quanto conta l’università nel promuovere il concetto di sostenibilità?
Conta tantissimo. Non ci può essere sostenibilità senza innovazione, e l’innovazione nasce dalla ricerca che si fa nelle accademie, ancora prima che nelle aziende. Per questo, quando ero rettore dell’Università di Siena, ho promosso una serie di iniziative sul tema e ho fatto dell’università toscana la sede della sezione mediterranea dell’UN-SDSN. Lo scopo non è solo quello di promuovere la ricerca, ma anche di fare formazione di alto livello sul tema della sostenibilità in tutte le sue sfaccettature, perché gli studenti di oggi sono i policy makers di domani.

Perché è stato costruito un network internazionale come l’Un-SDSN?
Lo scopo di questa istituzione legata all’ONU, e presieduta da Jeffrey Sachs  è di superare la barriera che ancora separa i tecnici, che studiano soluzioni per lo sviluppo sostenibile, e i policy makers che devono favorirne l’adozione nella popolazione. Per questo promuove un approccio integrato che comprende gli aspetti economici, sociali e ambientali e che coinvolge, attraverso l’ONU, le agenzie internazionali, le istituzioni di finanziamento, il settore privato e la società civile. L’organizzazione dell’assemblea che presiedo ha lo scopo di aiutare i leader di diversa provenienza e formazione a prendere parte allo sviluppo del network, ponendo tutti sullo stesso piano di affidabilità e potere decisionale. L’UN-SDSN ha anche un comitato che si occupa di educazione e di costruzione di curriculum formativi nel settore della sostenibilità, un ruolo a cui sono, per ovvie ragioni, particolarmente affezionato.

Quale ruolo giocano le fondazioni e gli altri attori privati interessati a dire la loro sullo sviluppo sostenibile?
A mio avviso le Fondazioni come BCFN possono dare moltissimo in termini di informazione e disseminazione delle tematiche legate alla sostenibilità nell’ambito della popolazione. Sono infatti in grado di raggiungere il grande pubblico, cosa che le università o le istituzioni possono fare solo in parte. Alcune grandi fondazioni internazionali possono anche investire nella ricerca, per indirizzarla verso soluzioni concrete per i problemi concreti, ma per quelle più piccole il compito principale dovrebbe essere l’informazione e l’educazione.
Ormai abbiamo capito quali sono i problemi legati a uno sviluppo sostenibile. Le Nazioni Unite hanno addirittura sviluppato un elenco di obiettivi da realizzare entro il 2030 . Quello che bisogna fare ora è passare dalla teoria alla pratica, e cominciare a mettere in atto tutte le soluzioni concrete di dimostrata efficacia.

Il settore agroalimentare è solo uno dei tanti anelli della catena della sostenibilità globale. Quanto pesa nel quadro generale?
Direi che pesa tantissimo, perché ha un valore diretto (sappiamo oramai che la produzione agricola impatta sull’inquinamento e sul riscaldamento globale in maniera consistente) ma anche indiretto, perché ha legami con altri settori come la cultura, lo sviluppo del territorio o la salute. Credo che coloro che parteciperanno a Milano al Forum BCFN del 1 Dicembre avranno la possibilità di verificare di persona quanto questo settore sia al contempo centrale per sostenibilità e trasversale alle diverse tematiche toccate.
Gallery

studies

cibo e sostenibilità

Articoli correlati

cibo e sostenibilità

L’importanza dei quadri di valutazione per promuovere la sostenibilità alimentare

Organizzata presso l’Occidental College di Los Angeles, California, la OXY Conference ha allargato considerevolmente gli orizzonti sul tema della sostenibilità alimentare, dell'agricoltura sostenibile e dell’educazione alimentare. Un'esperienza eccezionale, che ha riunito oltre 200 ricercatori nella stimolante cornice di un campus sulle colline di Los Angeles, dimostrando l'effettiva necessità di sistemi di valutazione e confronto tra livelli ed iniziative per la promozione della sostenibilità alimentare e dell’agricoltura sostenibile attraverso l'educazione alimentare.

Leggi tutto
cibo e società

PAC: l’Europa si unisce per il bene dell’agricoltura

Oltre mezzo secolo di vita e poco meno di 60 miliardi di euro investiti ogni anno: sono solo due dei numeri della politica agricola comune (PAC), un impegno che sottolinea l’importanza del sistema agroalimentare nella Comunità Europea.

Leggi tutto
cibo e sostenibilità

Le pratiche agro-culturali indigene sono la chiave per salvaguardare la biodiversità e mitigare il cambiamento climatico

All'inizio di maggio 2017, la Global Alliance for the Future of Food ha organizzato il suo 2°Dialogo Internazionale, al quale hanno partecipato oltre 250 esperti di sistemi alimentari a livello locale e globale. Lo scopo era quello di analizzare in modo più approfondito il rapporto tra cambiamento climatico e sistemi alimentari e di proporre nuove visioni dei sistemi alimentari di cui abbiamo e avremo bisogno, individuando potenziali percorsi per modellarli.

Leggi tutto
Questo sito utilizza cookie per inviarti comunicazioni e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.   Leggi tuttoOk