news

cibo e società

Un “case study” contest per una nuova agricoltura

In un’ottica di ricerca di innovazione e creatività, la Fondazione BCFN promuoverà, in collaborazione con altre istituzioni, un concorso rivolto a giovani ricercatori e professionisti nel campo dei sistemi agro-alimentari sostenibili. Agende alla mano: il prossimo congresso dell’Associazione Europea degli Economisti Agrari si terrà a Parma dal 28 agosto al 1 settembre 2017.

Se si vogliono trovare soluzioni innovative ed efficaci a problemi complessi come quelli del nostro sistema agro-alimentare, l’ideale è affidarsi alla creatività e all’inventiva dei giovani ricercatori. Per questo la Fondazione BCFN, insieme alla Wageningen University & Research (WUR) e all’Università di Parma, ha scelto di organizzare un concorso “case study”, ovvero un evento speciale rivolto agli under 30 che si svolgerà a Parma durante il prossimo Congresso EAAE (European Association of Agricultural Economists) dal 28 agosto al 1 settembre 2017, il cui tema sarà: “Verso sistemi agro-alimentari sostenibili: alla ricerca di un equilibrio tra mercati e società”. Ogni tre anni, in occasione del Congresso EAAE, studiosi, ricercatori, stakeholder ed esponenti politici si riuniscono per discutere delle problematiche più recenti e urgenti nell’ambito dell’agricoltura e dell’industria alimentare, partendo da un punto di vista locale per arrivare a una prospettiva internazionale e focalizzandosi anche sulle preoccupazioni che ne scaturiscono per la società.

Il concorso “case study”

A ciascun team verrà affidato un breve case study nel quale saranno illustrati i problemi che un’organizzazione si trova ad affrontare in relazione alla sostenibilità del sistema agro-alimentare. La prova si concluderà con una serie di domande aperte, alle quali i team partecipanti saranno chiamati a rispondere tramite una presentazione, considerando le informazioni relative alla situazione in esame e proponendo una soluzione creativa alle questioni sollevate.

Una giuria composta da manager, ricercatori ed esperti del settore agro-alimentare darà il proprio feedback e valuterà il lavoro di ciascun team. I team finalisti dovranno svolgere un compito aggiuntivo e si presenteranno nuovamente davanti a un pubblico più vasto. I vincitori riceveranno il “EAAE 2017 Case Study Competition Prize” e un rappresentante del gruppo sarà invitato a presentarne la soluzione durante l’8° Forum Internazionale della Fondazione BCFN.

I partecipanti al concorso dovranno essere studenti universitari o giovani professionisti (operanti in ambito accademico, aziendale o all’interno di organizzazioni no-profit) e potranno candidarsi sia individualmente che come team di quattro membri. Tutti i partecipanti saranno guidati da un mentore.

L’impegno di BCFN verso i giovani

Uno degli aspetti su cui la Fondazione BCFN si concentra maggiormente è la valorizzazione della forza dei giovani. Dal 2012 il concorso Young Earth Solutions (YES!) destinato ai giovani ha selezionato ogni anno dieci team finalisti (di tre membri ciascuno). Dalla prima edizione il concorso ha vissuto una significativa evoluzione, e nel 2016, invitando a partecipare soltanto dottorandi e ricercatori post-dottorato, ha raggiunto un livello qualitativo ancora più elevato. Uno dei risultati principali del concorso YES! è stata la costituzione dell’Associazione Alumni, che riunisce tutti i finalisti di ogni edizione del concorso YES!. Questo sottolinea ancora una volta la volontà della Fondazione BCFN di affermarsi come una piattaforma che permetta ai giovani talenti di dare il meglio di sé.

Al momento l’Associazione BCFN Alumni conta 100 membri provenienti da ogni continente, che operano come una rete globale impegnata a condividere esperienze e a creare un impatto ancora più determinante sul cambiamento del sistema alimentare. Gli Alumni hanno preso parte a una serie di eventi, creando contatti, divulgando il lavoro di BCFN e parlando della loro esperienza personale con il concorso YES!; gli Alumni portano inoltre avanti i loro progetti di ricerca individuali, sfruttando l’Associazione Alumni BCFN come risorsa: tutti i membri sono sempre alla ricerca di nuove opportunità per dimostrare la forza dei giovani anche in un contesto scientifico.

Questo concorso è solo uno dei numerosi eventi in programma per quest’anno, che hanno lo scopo di raccogliere materiale prezioso per contribuire a creare un Forum BCFN che sia particolarmente incentrato sulle soluzioniÈ questo l’approccio della Fondazione BCFN: lavorare attivamente per tradurre la teoria in pratica, anche attraverso le idee e le conoscenze delle generazioni più giovani.


Link collegati
Gallery

Articoli correlati

cibo e sostenibilità

Le linee guida dietetiche basate sugli alimenti possono essere utilizzate dai governi per promuovere l’adozione di diete sostenibili?

Haley Swartz è Coordinatrice del Programma di Ricerca per il Global Food Ethics and Policy Program del Johns Hopkins Berman Institute of Bioethics. Si occupa di ricerca nell’ambito dei programmi di assistenza alimentare e di governance alimentare in Paesi in via di sviluppo e a basso e medio reddito insieme alla Dr. Jessica Fanzo, Bloomberg Distinguished Associate Professor di Etica, Alimentazione Globale e Agricoltura. Haley Swartz ha conseguito una laurea di primo grado in Studi e governi femminili e una laurea di secondo grado in Politiche pubbliche, entrambe presso l’Università della Virginia.

Leggi tutto
cibo e sostenibilità

Internet delle cose, cloud e tendenze in ambito agricolo

Dall’automazione alla sicurezza alimentare, dall’irrigazione adattativa ai sistemi di gestione della filiera alimentare, fino alle grandi big data e al riciclo alimentare. I principali impatti tecnologici in agricoltura hanno interessato il segmento alla base della filiera, con sistemi sul campo, monitoraggio post-raccolto e strumenti per incrementare l’efficienza.

Leggi tutto
cibo e società

Sustainable fashion, la moda per l’ambiente

Nell’era della velocità anche la moda è diventata “fast”, ma per produrre un numero elevato di capi a prezzi stracciati, spesso si sacrifica la sostenibilità ambientale e la salute di chi lavora nel settore.

Leggi tutto
Questo sito utilizza cookie per inviarti comunicazioni e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.   Leggi tuttoOk