news

cibo e società

Sustainable fashion, la moda per l’ambiente

Nell’era della velocità anche la moda è diventata “fast”, ma per produrre un numero elevato di capi a prezzi stracciati, spesso si sacrifica la sostenibilità ambientale e la salute di chi lavora nel settore.

La moda non è fatta solo di sfilate in passerella o negozi colmi di offerte speciali e saldi. Dietro ogni singolo capo di abbigliamento c’è il lavoro di numerose persone e soprattutto c’è un impatto sull’ambiente che troppo spesso viene sottovalutato. Lo ricorda il WWF sottolineando che l’industria del cotone, fibra alla base di circa la metà di tutti i tessuti prodotti, dà lavoro a oltre 250 milioni di persone nel mondo con un sistema di produzione che non tiene in conto la sostenibilità ambientale e le prospettive dei lavoratori.

Non è mai “solo una T-shirt”

Per produrre un chilogrammo di cotone – sufficiente per una t-shirt – servono circa 20.000 litri di acqua, ai quali si devono aggiungere gli ettari di superficie agricola occupati dalle piante e l’anidride carbonica prodotta per trasportare e lavorare la fibra. Per tutte queste ragioni è necessario ripensare al modo di coltivare il cotone e produrre la fibra tessile, come spiegano i sostenitori della Better Cotton Initiative, nata nel 2005 come parte di una “tavola rotonda” di esperti in diversi argomenti guidata dal WWF e pensata per trovare soluzioni sostenibili per gli agricoltori, per l’ambiente e per il futuro di ciascun settore. 

L’iniziativa, alla quale hanno aderito molti dei principali marchi commerciali a livello globale, propone una modifica a 360 gradi dell’attuale sistema produttivo basandosi su tre pilastri della sostenibilità: ambientale, sociale ed economico. Un approccio che sembra funzionare se si pensa per esempio che gli oltre 43.000 coltivatori di cotone pakistani coinvolti nell’iniziativa hanno ridotto del 16 per cento il consumo di acqua e hanno ottenuto guadagni superiori del 109 per cento rispetto a chi ha continuato a utilizzare i vecchi metodi.


L’impronta del tessuto

A livello globale, il cotone rappresenta la coltivazione non alimentare più diffusa e il suo impatto sull’ambiente va molto al di là di quanto si possa immaginare. Anche le fibre hanno una loro “impronta” (footprint) che può essere calcolata grazie alle tre “impronte” già descritte in Eating Planet per valutare l’impatto ambientale del cibo. Basandosi sulla carbon footprint, ecological footprint e water footprint – riferite rispettivamente all’impatto in termini di anidride carbonica emessa, superficie occupata e acqua utilizzata – il Center for Sustainable Economy e il Sustainable Cotton Project hanno messo a punto uno strumento che permette di calcolare l’impronta tessile. “In questo modo i produttori di cotone e coloro che lo acquistano possono confrontare l’impatto ambientale del cotone prodotto in modo convenzionale e in modo sostenibile e compiere scelte più consapevoli” spiegano gli esperti del Sustainable Cotton Project, un programma californiano riconosciuto a livello internazionale che lavora per cambiare il sistema si produzione del cotone. 


Dal campo al negozio 

Una t-shirt che dura 30 anni non basta da sola a rendere la moda sostenibile, ma è un passo nella giusta direzione. Ne è convinto Tom Cridland, fashion designer inglese non ancora trentenne che oggi rappresenta uno dei marchi più noti della moda sostenibile. “Oggi la moda è uno dei settori più dannosi per l’ambiente: il 25 per cento dei prodotti chimici usati nel mondo servono per i tessuti e il 10 per cento delle emissioni di gas serra è legato all’abbigliamento” dice Cridland che con i suoi abiti garantiti 30 anni vuole rivoluzionare anche il modo di pensare e vivere la moda. “Le persone dovrebbero comprare gli abiti pensando anche a cosa c’è dietro e all’impatto che hanno sull’ambiente” dice, ricordando che molto spesso la gente acquista vestiti che indossa solo poche volte prima di buttarli in discarica. E a chi gli fa notare che la moda cambia velocemente e non è possibile indossare un capo per 30 anni, risponde: “Alcuni capi sono dei classici e non passeranno mai di moda”. 


Gallery

Articoli correlati

cibo e società

Due solidi pilastri per la Politica agricola comune

Un insieme di regole aggiornate nel corso degli anni garantisce all’Europa una Politica Agricola Comune capace di guidare l’innovazione e rispondere ai cambiamenti climatici e alle sempre nuove esigenze della società.

Leggi tutto
cibo e società

PAC: l’Europa si unisce per il bene dell’agricoltura

Oltre mezzo secolo di vita e poco meno di 60 miliardi di euro investiti ogni anno: sono solo due dei numeri della politica agricola comune (PAC), un impegno che sottolinea l’importanza del sistema agroalimentare nella Comunità Europea.

Leggi tutto
cibo e sostenibilità

Le pratiche agro-culturali indigene sono la chiave per salvaguardare la biodiversità e mitigare il cambiamento climatico

All'inizio di maggio 2017, la Global Alliance for the Future of Food ha organizzato il suo 2°Dialogo Internazionale, al quale hanno partecipato oltre 250 esperti di sistemi alimentari a livello locale e globale. Lo scopo era quello di analizzare in modo più approfondito il rapporto tra cambiamento climatico e sistemi alimentari e di proporre nuove visioni dei sistemi alimentari di cui abbiamo e avremo bisogno, individuando potenziali percorsi per modellarli.

Leggi tutto
Questo sito utilizza cookie per inviarti comunicazioni e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.   Leggi tuttoOk