news

cibo e società

Dare vita a un pianeta migliore nella Grande Mela

Febbraio 2016, New York ha ospitato il brillante lancio del nuovo libro di Fondazione BCFN: "Eating Planet. Cibo e sostenibilità: costruire il nostro futuro".

L'evento ha celebrato l'uscita della seconda edizione del libro e ha dato vita a un illuminante dibattito tra personaggi illustri ed esperti.
Tra questi troviamo Guido Barilla, presidente della Fondazione BCFN e della società Barilla, Simran Preeti Sethi, giornalista ed educatrice specializzata in alimenti, sostenibilità e cambiamento sociale, il dottor David L. Katz, professore associato in procedure sanitarie pubbliche presso la Scuola di Medicina della Yale University, e Danielle Nierenberg, presidente del Food Tank ed esperta di questioni legate al cibo e all'agricoltura sostenibile.

Tre anni dopo la prima pubblicazione, "Eating Planet" ci aggiorna sui progressi conseguiti da Fondazione BCFN e dalla comunità globale per incoraggiare diete che siano, allo stesso tempo, sane e sostenibili per le persone e per il pianeta.

In linea con i principi del libro (che invitano decisori politici, operatori economici e cittadini del mondo ad agire per migliorare i sistemi alimentari), è stata data una splendida opportunità a ospiti provenienti dagli ambienti più diversi, tra cui giornalisti che si occupano di cibo locale, educatori alimentari e persino celebrità legate al settore. Gli invitati hanno potuto assaporare i deliziosi sapori della dieta mediterranea, regime ampiamente studiato e consigliato, grazie ai Barilla Restaurants di Manhattan.

Ironia della sorte, nella città conosciuta a livello mondiale come la "Grande Mela", cartelloni dai colori vivaci esposti nella vicina Times Square pubblicizzavano proprio le scelte alimentari dannose per la salute e per l'ambiente, che costituiscono gran parte della dieta occidentale. Questo è solo un esempio delle sfide che la sostenibilità alimentare deve affrontare al giorno d'oggi. Per fortuna possiamo continuare a essere ottimisti, poiché esperti e ricercatori provenienti da una vasta gamma di settori multidisciplinari continuano a fornire analisi e proposte concrete sui grandi temi relativi all'alimentazione e alla nutrizione.

Rimane comunque della massima importanza aumentare la consapevolezza sui problemi che abbiamo in questo momento e fornire un’educazione basata sulla ricerca delle buone pratiche da adottare. "Eating Planet" e la presentazione del libro a New York contribuiscono ad attirare un'attenzione più che necessaria rivolta alle questioni estremamente complesse legate ai sistemi alimentari globali, in cui i cambiamenti culturali devono coincidere con importanti modifiche nella produzione alimentare e nei metodi di consumo.

Mentre la Fondazione BCFN si dà da fare per trasformare le idee in azioni e per perseguire gli ambiziosi obiettivi concordati durante Expo 2015 tramite il Protocollo di Milano e lo Youth Manifesto, giovani ricercatori e organi decisionali, comprese le generazioni future, continueranno ad avere ruoli e idee importanti, contribuendo al progresso verso gli obiettivi di sostenibilità alimentare. Dopo tutto, queste sono le persone a cui lasceremo il Pianeta che stiamo cercando di salvare.

Behtash Bahador
BCFN Foundation Alumni Association

Link collegati
Gallery

studies

cibo e società

Articoli correlati

cibo e sostenibilità

Le linee guida dietetiche basate sugli alimenti possono essere utilizzate dai governi per promuovere l’adozione di diete sostenibili?

Haley Swartz è Coordinatrice del Programma di Ricerca per il Global Food Ethics and Policy Program del Johns Hopkins Berman Institute of Bioethics. Si occupa di ricerca nell’ambito dei programmi di assistenza alimentare e di governance alimentare in Paesi in via di sviluppo e a basso e medio reddito insieme alla Dr. Jessica Fanzo, Bloomberg Distinguished Associate Professor di Etica, Alimentazione Globale e Agricoltura. Haley Swartz ha conseguito una laurea di primo grado in Studi e governi femminili e una laurea di secondo grado in Politiche pubbliche, entrambe presso l’Università della Virginia.

Leggi tutto
cibo e sostenibilità

Internet delle cose, cloud e tendenze in ambito agricolo

Dall’automazione alla sicurezza alimentare, dall’irrigazione adattativa ai sistemi di gestione della filiera alimentare, fino alle grandi big data e al riciclo alimentare. I principali impatti tecnologici in agricoltura hanno interessato il segmento alla base della filiera, con sistemi sul campo, monitoraggio post-raccolto e strumenti per incrementare l’efficienza.

Leggi tutto
cibo e società

Sustainable fashion, la moda per l’ambiente

Nell’era della velocità anche la moda è diventata “fast”, ma per produrre un numero elevato di capi a prezzi stracciati, spesso si sacrifica la sostenibilità ambientale e la salute di chi lavora nel settore.

Leggi tutto
Questo sito utilizza cookie per inviarti comunicazioni e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.   Leggi tuttoOk