RASSEGNA STAMPA - 5/11 DICEMBRE 2020

This is Money

Gli agricoltori delle aree tropicali dovranno ridurre il consumo di suolo

Gli agricoltori tropicali faranno fatica a soddisfare la crescente domanda alimentare a meno che non aumentino in modo sostenibile i raccolti sulla stessa superficie impiegata oggi. Questo sarebbe dovuto alle politiche per la protezione delle foreste e dei carbon credits, volte a contrastare i cambiamenti climatici. Ad affermarlo un rapporto del think tank Orbitas che ha esaminato i rischi finanziari per gli agricoltori tropicali e le loro aziende agricole - inclusi olio di palma, soia e carne bovina. 

leggi tutto

The Telegraph

Raddoppiano i decessi legati alle ondate di calore

Le morti legate ai colpi di calore tra le persone anziane nel Regno Unito, sono più che raddoppiate dall'inizio del millennio, secondo un nuovo rapporto pubblicato su The Lancet. Il quadro è simile in tutto il mondo, con gli esperti che avvertono che il cambiamento climatico travolgerà i sistemi sanitari se non sarà adottata un'azione urgente. 

leggi tutto

All Africa

La Nigeria tra i sei paesi africani leader negli OGM

Il numero di Paesi che piantano colture geneticamente modificate nel continente africano è passato da tre nel 2018 a sei nel 2019. Nigeria, Etiopia e Malawi fanno ora parte dei paesi africani che utilizzano questo tipo di varietà insieme a Sud Africa, Sudan e Swaziland. A renderlo noto è un rapporto del Servizio internazionale per l'acquisizione di applicazioni agri-biotecnologiche (Isaaa). Secondo il rapporto, i sei paesi hanno coltivato mais, soia e cotone su circa tre milioni di ettari nel 2019. 

leggi tutto

The Independent

L’1 per cento che produce più emissioni

L'1 per cento più ricco del Regno Unito produce 11 volte le emissioni della parte più povera. Sono queste le stime rilasciate da Oxfam che mostrano come coloro che guadagnano almeno 92mila sterline, al netto delle tasse, sono responsabili del 7 per cento delle emissioni registrate negli ultimi 25 anni. L'1 per cento composto da 657.840 persone è anche l'unico gruppo le cui emissioni totali legate ai consumi non sono diminuite tra il 1990 e il 2015. La loro impronta di carbonio è sei volte quella della media nazionale. 

leggi tutto

South China Morning Post

India e Cina si preparano a una battaglia per l'acqua

I piani di Pechino per una nuova diga hanno portato Nuova Delhi a ragionare sulla costruzione di un progetto simile in un fiume noto come Brahmaputra in India. Gli analisti avvertono che una corsa del genere potrebbe andare fuori controllo, con ripercussioni non solo per entrambi i paesi ma anche per il Bangladesh. 

leggi tutto

BBC

Birra e patatine per ridurre le emissioni di CO2

La nota azienda produttrice di patatine Walkers ha adottato una tecnica che dovrebbe ridurre le emissioni di CO2 del suo processo di produzione del 70 per cento. La tecnologia utilizzerà la CO2 catturata dalla fermentazione della birra che verrà miscelata con gli scarti di patate e trasformata in fertilizzante. Sarà quindi utilizzato successivamente sui campi del Regno Unito per produrre il nuovo raccolto di patate in un ciclo virtuoso. 

leggi tutto

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le preferenze da te manifestate nel corso della navigazione in rete. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie.
Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.   Continua