RASSEGNA STAMPA - 2/8 Marzo 2019

United Nations Environmanetal Program - AllAfrica

In Sudan i giovani sono alla ricerca di soluzioni per mitigare i cambiamenti climatici

I giovani di Khartoum, la più grande città del Sudan, hanno partecipato a un hackaton promosso dalla Global Climate Change Alliance (GCCA+) e dall'Unione europea. Tra i vincitori, una coppia di studenti che ha proposto un progetto per contenere la desertificazione e ripristinare gli ecosistemi del Paese attraverso il rimboschimento, impiegando dei droni per seminare varietà locali. 

leggi tutto

The Guardian

L'Italia rischia di dover importare olive a causa di eventi climatici estremi

Gli ulivi in tutto il Mediterraneo nell'ultimo anno hanno subito eventi climatici anomali che hanno portato ad un crollo della produzione. Secondo gli esperti si parla di una perdita, per l'Italia, del 57 per cento dei raccolti, il peggior dato da 25 anni a questa parte. Coldiretti, l’associazione degli agricoltori, ha stimato perdite economiche per oltre 1 miliardo di euro.  

leggi tutto

The Straits Time

Singapore, un tetto verde darà verdura a oltre 1000 persone

La nuova struttura della Citiponics installata sopra il parcheggio Housing Board a Singapore, ha già iniziato a produrre verdura a foglia verde. Secondo l'amministratore dell'azienda l'intero sistema, che non usa fertilizzanti né pesticidi, sarebbe in grado di produrre fino a quattro tonnellate di verdura al mese, sufficiente per fornire verdura a oltre 1.600 persone al mese.  

leggi tutto

NBC News

L'obesità potrebbe aiutare a riprendersi dall'ictus

Ricerca in controtendenza dell'American Academy of Neurology dimostrerebbe che i pazienti gravemente obesi hanno il 62 per cento in meno di probabilità di morire nei primi tre mesi dopo un ictus rispetto a quelli di peso normale perché le cellule adipose forniscono energia per la ripresa e producono sostanze antinfiammatorie. In ogni caso, il vantaggio non compensa lo svantaggio, dato che l'obesità è comunque associata ad un aumentato rischio di malattie cardiache e ictus. 

leggi tutto

FastCompany

Sono 1.700 le specie a rischio, nuovo studio conferma

Se l'impatto antropico sul clima continuerà a diffondersi allo stesso ritmo nei prossimi 50 anni, 1.700 specie saranno a rischio di estinzione. Lo afferma un nuovo studio condotto dagli ecologi di Yale, pubblicato su Nature Climate Change. Secondo i ricercatori ad essere a rischio sarebbero 886 specie di anfibi, 436 di uccelli e 376 di mammiferi, a causa della perdita di habitat.  

leggi tutto

The Independent

Le microplastiche sono il rifiuto più comune nel Mediterraneo

Sacchetti di plastica e pellicole sono il tipo di rifiuti più comuni trovati nelle acque costiere del Mediterraneo. A renderlo noto un gruppo di ricerca di scienze marine dell'università di Barcellona, che mostra come oltre la metà della plastica sia rappresentata dal polietilene. Il polipropilene (16,5 per cento), utilizzato in imballaggi di plastica rigidi come le bottiglie, è il secondo materiale plastico più comune, seguito dal poliestere (9,7 per cento) utilizzato in abbigliamento, arredamento e tessuti. 

leggi tutto

FAO

Spreco di cibo nel sudest dell’Europa

Albania, Armenia, la ex repubblica Jugoslava di Macedonia e la Moldavia sono al centro di un progetto della FAO per la riduzione dello spreco di cibo nell’area del sudest Europa. IL progetto è parte di SAVE FOOD, un programma che si basa su azioni concrete per favorire la consapevolezza dello spreco di cibo da parte dei cittadini. 

leggi tutto

United Nations

Sono I giovani a determinare i flussi migratori

Il ruolo chiave dei giovani nel determinare il futuro della governance delle migrazioni è al centro della discussione dell’International Dialogue on Migration delle Nazioni Unite, un organismo consultivo convocato dalla International Organization for Migration (IOM). 

leggi tutto

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le preferenze da te manifestate nel corso della navigazione in rete. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie.
Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.   Continua