RASSEGNA STAMPA - 27 OTTOBRE/02 NOVEMBRE 2018

The World Health Organization (WHO)

L'inquinamento atmosferico peggio del tabacco


L'aria inquinata uccide 7 milioni di persone a livello globale ogni anno. Sono le stime che l'Organizzazione mondiale della sanità ha reso pubbliche a pochi giorni dall'inizio della prima conferenza mondiale sull'inquinamento atmosferico. Ad essere più colpiti i bambini: ogni anno si stima siano almeno 600mila le morti premature a causa delle alte concentrazioni di polveri fini ed ultrafini.

LEGGI TUTTO

Reuters

Non ci sono abbastanza frutta e verdure per una dieta vegetariana


Secondo uno studio canadese pubblicato su Plos One, la produzione agricola mondiale non sarebbe sufficiente a sfamare l'intera popolazione se tutti dovessero scegliere di diventare vegetariani. Ciò sarebbe dovuto all'eccessiva produzione di cereali, grassi e zucchero. Nello specifico vengono prodotte 12 porzioni di cereali al posto delle 8 necessarie e solo 5 porzioni di frutta e verdura al posto di 15. Se le pratiche agricole non cambieranno, il mondo avrà bisogno di 12 milioni di ettari di terra arabile e di circa 1,3 miliardi di ettari di pascoli entro il 2050. 

Articolo originale su PlosOne

LEGGI TUTTO

The New York Times

Meno carne in Argentina per via della crisi

Una crisi economica sta colpendo soprattutto la classe media argentina, che ha visto cambiare la propria dieta. Ora la carne di manzo compare raramente sulle tavole, a causa dell'inflazione che quest'anno dovrebbe arrivare al 44%. A renderlo noto è un sondaggio condotto da Reuters sui cittadini, i macellai e gli allevatori argentini: in un solo mese i consumi di carne sono scesi del 17%.

LEGGI TUTTO

BBC

WWF: perso il 60% delle specie in meno di mezzo secolo

L'associazione animalista conferma quello che numerosi scienziati definiscono come la sesta estinzione di massa. Nell'edizione 2018 del consueto rapporto “Living planet report”, il WWF spiega come tra il 1970 e il 2014 il pianeta abbia perso il 60% delle specie di vertebrati. Un consumo di risorse eccessivo, che sta causando una sempre più accelerata perdita di biodiversità.


LEGGI TUTTO

CGIAR

Anche la produzione di patata colpita dai cambiamenti climatici

Accade soprattutto nelle regione andina, area di origine del tubero che si è poi diffuso in tutto il mondo. I ricercatori del CGIAR hanno calcolato che dagli anni '50, la regione sta subendo un progressivo riscaldamento e un aumento degli eventi estremi. Inoltre gli scienziati stanno tentando di capire come il cambiamento climatico influirà sull'aumento di parassiti e malattie.

LEGGI TUTTO

FAO

Le foreste piantumate possono soddisfare la domanda di legname

Le foreste piantumate (cioè piantate proprio a fini di riforestazione) sono una delle soluzioni proposte dalla FAO durante il 4° Congresso Internazionale sulle foreste piantumate, per raggiungere uno sviluppo sostenibile e rispondere allo stesso tempo alla crescente domanda di legname e di servizi ambientali forestali come il sequestro del carbonio. Un sistema per la gestione responsabile e sostenibile per tutta la filiera del legno, con impatti positivi sia nella società che nell'ambiente. 


LEGGI TUTTO

World Economic Forum

L'ultimo villaggio di pescatori di Hong Kong è seriamente minacciato dai cambiamenti climatici

Il super tifone di settembre ha provocato inondazioni e danni senza precedenti in tutta la città, abbattendo alberi, finestre delle torri commerciali e paralizzando le reti di trasporto.

LEGGI TUTTO

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le preferenze da te manifestate nel corso della navigazione in rete. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie.
Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.   Continua