RASSEGNA STAMPA - 13/19 OTTOBRE 2018

The Guardian

In Colombia i residui di lavorazione del caffè producono energia

Da una collaborazione tra l'università inglese del Sussex e i ricercatori colombiani, nasce un processo per produrre energia elettrica a partire dai residui di lavorazione del caffè. I ricercatori hanno messo a punto una fuel cell capace di produrre una piccola quantità di energia grazie al lavoro di alcuni batteri che “mangiano” i rifiuti presenti nelle acque reflue dell'industria del caffè. Il funzionamento è simile a quello che avviene in un'auto a idrogeno, fanno sapere i ricercatori.

leggi tutto

The Atlantic

Boschi e foreste influenzano il clima più di quanto pensiamo

I ricercatori dell'università di Washington, dopo anni di studi, hanno scoperto come anche la vegetazione sia in grado di influenzare il clima non solo in modo puntuale, ma anche nel tempo. Le piante sono infatti in grado di modificare il ciclo dell'acqua e dei nutrienti, influenzando di conseguenza anche gli altri cicli naturali. La distruzione o l'espansione delle foreste in un continente potrebbe far crescere le precipitazioni o causare una siccità in altre parti del mondo. 

leggi tutto

Global Capital

Tre banche europee finanziano un progetto per liberare gli oceani dalla plastica

Tre grandi istituzioni finanziarie, la Banca europea per gli investimenti, la KfW e l'Agence francaise de developpement, hanno finanziato con ben 2 miliardi di euro la Clean ocean initiative (Coi), lanciata lo scorso 12 ottobre. Il progetto prevede, in un periodo di cinque anni, di finanziare vari progetti per pulire e raccogliere i rifiuti di plastica abbandonati nei mari. 

leggi tutto

Voice of America – allAfrica

I cambiamenti climatici aumentano la fame nel mondo

Lo fa sapere il World food program, che avverte come i cambiamenti climatici avranno un impatto devastante sull'agricoltura e sulla capacità delle persone di produrre il proprio cibo. Se non si arresterà il riscaldamento globale, coloro i quali non avranno accesso al cibo cresceranno di 189 milioni di unità rispetto ad oggi. Una tendenza destinata ad aumentare.

leggi tutto

The Telegraph

Etichettatura degli alimenti: gli inglesi non sanno leggerle

Una ricerca recente ha mostrato come un quarto di vegetariani e celiaci abbiano mangiato carne e glutine senza saperlo, a causa di etichette di difficile comprensione. Il sondaggio realizzato da Opinium per Ubamarket ha così rivelato che il 40 per cento degli inglesi non capisce cosa mangia leggendo le etichette dei cibi, mentre il 30 per cento ha delle difficoltà a gestire correttamente la propria dieta.

leggi tutto

Morning Star

La California investe oltre 100 milioni di dollari nella conservazione dell'agricoltura

Un investimento che rientra nel Programma di incentivi per la qualità ambientale (Eqip): 100 milioni di dollari erogati nel 2018. Si tratta di una collaborazione tra i proprietari terrieri e l'Agenzia federale che prevede di pianificare svariate azioni per creare una maggiore resilienza e preparare piani di conservazione e investimenti strategici. L'obiettivo è quello di adattarsi alle mutate condizioni ambientali e puntare a una riduzione nell'uso delle risorse come acqua e suolo.

leggi tutto

EURACTIV

La lista delle plastiche vietate dal Parlamento europeo si allunga

La commissione ambiente sta estendendo il divieto alle plastiche monouso, prendendo di mira anche packaging da take away, bottiglie e pacchetti di sigarette. 

leggi tutto

European Council

Confermato il target di riduzione delle emissioni

Il consiglio dell'Unione europea conferma l'obiettivo della riduzione del 40 per cento delle emissioni, in vista dell'incontro UNFCCC a Katowice (2 - 14 Dicembre 2018).

leggi tutto

IISD

Il report di UNEP invita America latina e caraibica a implementare la gestione dei rifiuti

Un terzo di tutti i rifiuti generati nelle città dell'America latina e dei Caraibi (LAC) non viene adeguatamente smaltito o gestito, minacciando la salute della popolazione della regione e inquinando l'aria, il suolo e l'acqua.

leggi tutto

Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di inviarti pubblicità e offrirti servizi in linea con le preferenze da te manifestate nel corso della navigazione in rete. Proseguendo la navigazione sul sito mediante l’accesso a qualunque sua area o la selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un’immagine o di un link) acconsentirai all’uso dei cookie.
Al seguente link troverai la nostra informativa estesa sui cookie con la descrizione delle categorie presenti e i link con le informative delle terze parti quali titolari autonomi del trattamento nonché avrai la possibilità di decidere quali cookie autorizzare ovvero se negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookie.   Continua