Paolo Bartolozzi

Sono molte le sfide sociali che oggi ci troviamo a dover affrontare. Nei prossimi anni, dovremmo far fronte al continuo aumento della popolazione mondiale e, di conseguenza, essere pronti ad un incremento travolgente della domanda alimentare ed energetica. Risorse sempre più scarse e pressioni sempre più evidenti sull'ambiente e sull'ecosistema ci costringono da subito a riflettere sull'approccio da intraprendere in termini di produzione e consumi. Allo stesso tempo, un'altra situazione richiede di essere affrontata e possibilmente risolta in tempi rapidi. Si tratta della forbice tra malnutrizione e obesità, aggravata e resa quanto mai paradossale dai miliardi di tonnellate di cibo commestibile che ogni hanno vengono distrutte e quindi sprecate.

Lotta agli sprechi alimentari, promozione di stili di vita sani e di modelli produttivi sostenibili sono le grandi sfide globali che caratterizzano i nostri tempi e alle quali l'iniziativa del Protocollo di Milano sull'Alimentazione e la Nutrizione intende fornire una risposta.

In concomitanza simbolica con il percorso che porterà all'Expo 2015, l'approccio che il Protocollo intende declinare punta a trovare un bilanciamento tra queste istanze, tanto differenti quanto mutualmente interconnesse, e per farlo unisce insieme attori diversi, attivi nei vari ambiti e nei vari livelli interessati da queste importanti sfide. Il Protocollo, infatti, punta a coinvolgere e a far dialogare tra loro il mondo politico, quello didattico, quello imprenditoriale e industriale e quello associativo con l'ammirevole intento di mettere a punto un approccio quanto più interdisciplinare possibile che garantisca un dialogo continuo e un confronto costante tra i soggetti e i mondi interessati per arrivare alla definizione di modelli di produzione e stili di vita che siano perfettamente sostenibili dal punto di vista ambientale, economico e sociale.

Come Deputato europeo, Membro della Commissione per l'Ambiente e la Salute Pubblica e la Sicurezza Alimentare, ma soprattutto come rappresentante di un'Europa e di un'Italia che devono e possono fornire il loro immenso contributo alla definizione di modelli di produzione sostenibili e stili di vita sani, condivido in pieno l'istituzione e il lancio del Protocollo al cui successo mi impegnerò a fornire il mio personale apporto.
Questo sito utilizza cookie per inviarti comunicazioni e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.   Leggi tuttoOk